Cette recherche s'applique uniquement aux ressources en bibliothèque.
3 résultats
Trier par:
Ajouter à la liste:
    • Article
    Sélectionner

    Ein Vorläufer der spätgotischen Malerei in Florenz: Cenni di Francesco di ser Cenni

    Boskovits, Miklòs
    Zeitschrift für Kunstgeschichte, 1 January 1968, Vol.31(4), pp.273-292 [Revue évaluée par les pairs]
    Archival Journals (JSTOR)
    Disponible
    Plus…
    Titre: Ein Vorläufer der spätgotischen Malerei in Florenz: Cenni di Francesco di ser Cenni
    Auteur: Boskovits, Miklòs
    Sujet: Visual Arts ; History & Archaeology;
    Fait partie de: Zeitschrift für Kunstgeschichte, 1 January 1968, Vol.31(4), pp.273-292
    Identifiant: 00442992 (ISSN); 10.2307/1481695 (DOI)

    • Article
    Sélectionner

    "Giotto Born Again". Beiträge zu den Quellen Masaccios

    Boskovits, Miklòs
    Zeitschrift für Kunstgeschichte, 1 January 1966, Vol.29(1), pp.51-66 [Revue évaluée par les pairs]
    Archival Journals (JSTOR)
    Disponible
    Plus…
    Titre: "Giotto Born Again". Beiträge zu den Quellen Masaccios
    Auteur: Boskovits, Miklòs
    Sujet: Visual Arts ; History & Archaeology;
    Fait partie de: Zeitschrift für Kunstgeschichte, 1 January 1966, Vol.29(1), pp.51-66
    Identifiant: 00442992 (ISSN); 10.2307/1481640 (DOI)

    • Article
    Sélectionner

    Der Meister der Santa Verdiana. Beiträge zur Geschichte der florentinischen Malerei um die Wende des 14. und 15. Jahrhunderts

    Boskovits, Miklós
    Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz, 1 December 1967, Vol.13(1/2), pp.31-60
    Archival Journals (JSTOR)
    Disponible
    Plus…
    Titre: Der Meister der Santa Verdiana. Beiträge zur Geschichte der florentinischen Malerei um die Wende des 14. und 15. Jahrhunderts
    Auteur: Boskovits, Miklós
    Sujet: Visual Arts;
    Description: Il nome "Maestro di Santa Verdiana" è noto agli studiosi della pittura trecentesca almeno dal 1952, ma la sua personalità artistica era stata già abbozzata alcuni anni prima da R. Longhi. Il catalogo di questo nuovo maestro fu in seguito ampliato da R. Offner, F. Zeri e L. Bellosi. L'autore dell'articolo aggiunge ora all'opera del maestro altri 14 quadri inediti, modificando in un certo senso il profilo tracciatone nel 1959 dallo Zeri. Secondo l'opinione dell'autore, l'artista proviene dalla cerchia dei seguaci dell'Orcagna e non dalla bottega di Agnolo Gaddi (come era stato prospettato in un primo tempo) e le sue prime opere (trittico nella collezione Lehman, New York; Madonna nell'Accademia a Firenze; Annunciazione già nella collezione Spiridon, Roma; e Madonna nella collezione Weitzner, New York) mostrano l'influsso del "Maestro dell'Infanzia" e del "Maestro della Misericordia dell'Accademia". A questi quadri, databili negli anni '80, segue una serie di rappresentazioni della Madonna seduta sulle nubi e circondata da una mandorla di cherubini (Budapest, Esztergom, Birmingham) ed altre tavole (Ottawa, Greenville, Parigi, Roma) nelle quali la concezione della forma orcagnesca si avvicina sempre più alla linearità ed al ritmo delle ultime opere di Agnolo Gaddi. La Madonna di Birmingham, un affresco di provenienza ignota ed il trittico di Dublino, sono vicinissimi all'ultimo periodo stilistico di Agnolo e di conseguenza è probabilmente giusto supporre che siano stati dipinti intorno al 1394-96. Essi presentano una qualità artistica da non sottovalutarsi, che fa annoverare il "Maestro di Santa Verdiana" fra i migliori rappresentanti della pittura fiorentina di questi anni. Intorno al 1400 spettò sicuramente al nostro pittore un ruolo di intermediario fra i giottisti arcaicizzanti e le tendenze gotiche. Le opere da lui dipinte nel primo decennio del Quattrocento, come la Madonna nella Galleria Kleinberger, la Pietà di S. Miniato a Firenze e quella già appartenente alla collezione Grissel di Oxford, oppure l'Annunciazione della collezione Kisters a Kreuzlingen, si assimilano al nuovo clima culturale, mantenendo il loro carattere plastico saldamente foggiato, che per alcuni pittori classicheggianti del nuovo secolo, ad esempio per il Maestro del 1419, per Giovanni Toscani o per Masolino, servirà come punto di partenza.
    Fait partie de: Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz, 1 December 1967, Vol.13(1/2), pp.31-60
    Identifiant: 03421201 (ISSN)